COLORE – Appunti di interior design – Pagina 5

IL COLORE è uno strumento fondamentale nella progettazione degli interni. MODIFICA INGOMBRI, VOLUMI, PROPORZIONI.

SI PROGETTA tenendo conto della destinazione della stanza, della sua forma, della sua luminosità e valutando l’effetto che vogliamo ottenere e quale sensazioni vogliamo che l’ambiente trasferisca.

1) COLORE E PERCEZIONE

I colori scuri. Definiscono i contorni. Raccolgono al loro interno. Mettono in risalto forme, volumi e variazioni architettoniche. Creano atmosfera, coinvolgono, danno un sapore intenso allo spazio.  

I colori chiari. Ampliano, allargano e non definiscono. Riflettono la luce ed illuminano.

I colori caldi, quelli compresi nella gamma cromatica dal giallo al rosso. Trasmettono calore, ricordano il sole, il fuoco. Avvicinano. Accolgono, animano e ravvivano.

I colori freddi, quelli che variano dal verde al viola. Fanno pensare alla neve, al cielo, al mare. Allontanano e mettono calma, invitano al riposo e alla lentezza.

2) COLORE E LUCE

LO STESSO COLORE ESPOSTO A FONTI LUMINOSE DIFFERENTI CAMBIA. Se scarsamente illuminato tende ad apparire più scuro. In ambienti molto illuminati tende ad essere percepito più chiaro. Inoltre, il colore si raffredda se esposto ad una luce fredda e si scalda sotto una luce calda.

In base all’orientamento.

Una stanza esposta a Nord ha scarsa illuminazione naturale e riceve luce fredda. I più indicati per questi ambienti sono i colori caldi mentre le tinte fredde risultano molto intense.

Una stanza esposta a Sud riceve costante luce nel corso della giornata e di tonalità calda. Decorare una stanza di questo tipo è molto semplice e si possono usare colori sia freddi che caldi ma sono più efficaci le tinte fredde e neutre.

Una stanza esposta ad Ovest inizia a ricevere la luce solare nel pomeriggio, quindi, in questo ambiente, la luce passerà da fredda al mattino a calda nel pomeriggio.  Sono perfetti i colori neutri sia con leggera dominante calda che fredda. Anche i toni di grigio, anche se appariranno più freddi al mattino e più caldi nel pomeriggio.

Il sole nasce ad est perciò una stanza esposta ad Est riceve molta luce durante il mattino, tendenzialmente calda, mentre nel pomeriggio ne arriva poca e più fredda. Scegliere quindi tinte leggere sia di colori caldi che freddi.

3) COLORE E TRUCCHI

  • Abbassare un soffitto troppo alto. Dipingerlo con toni più scuri rispetto alle pareti oppure, ancora meglio, dipingere il soffitto con toni scuri e scendere per un pezzo, anche sulle pareti. Funziona bene anche dipingere le pareti con colore scuro ma fermandosi a 40/50 cm dal soffitto in modo da far percepire che il soffitto inizia dove termina il colore scuro.
  • Alzare un soffitto troppo basso. Dipingerlo di colore bianco oppure di un tono più chiaro rispetto alle pareti.
  • Avvicinare. Dipingere la parete di fondo con un colore intenso. Lo spazio si accorcia e la parete sembra più vicina.
  • Allontanare. Dipingere la parete di fondo di un colore chiaro e mettere colore più intenso sulle pareti laterali.
  • Ampliare. Usare toni chiari. Bianco, sfumature pallide, tinte pastello.

4) COLORI ED EFFETTI

ENFATIZZARE Cioè attirare l’attenzione per rendere protagonista un particolare, una parete, un angolo della stanza. Vanno bene sia le tinte accese che quelle più scure ed intense.

  • Accent wall. Dare accento ad una sola parete della stanza, dipingendola di un colore diverso rispetto al resto delle pareti.

UNIFORMARE.  Lasciare che il colore contagi tutto.

  • Total color. Cornici, battiscopa, caloriferi, porte, infissi, stucchi, soffitti, pareti, tutti della stessa tinta. La soluzione ideale per attualizzare ambienti classici. 
  • Effetto scatola. Serve per valorizzare e  dare carattere. Ad un corridoio per esempio. Lo facciamo notare utilizzando lo stesso colore per pareti e soffitto e perché no, anche per le porte. In un ambiente contemporaneo definisce i volumi, è di grande impatto e crea un’atmosfera decisa.

DISTINGUERE. Quando più funzioni convivono nello stesso ambiente. Usare i colori diversi per dare movimento e definire lo spazio dedicato a ciascuna attività.

DECORARE. Tracciare porzioni di colore da riprendere nei tessuti.

  • Boiserie colore.  Cioè colore su una parte di parete tracciando una linea orizzontale parallela al pavimento.
  • Fasce colore. Per dare valore ad una base neutra. Su una parete bianca tracciare fasce colore a filo soffitto e a filo pavimento. Si inquadrano le pareti e l’ambiente si allarga e si allunga.
  • Color blocking.  Disegnare forme geometriche bene definite, combinate tra loro ed in colori diversi. 
  • Forme scomposte. E’ un pattern usato per carta da parati, tessuti, tappeti, stampe. Ora anche in pittura sulle pareti. Forme libere e casuali in tinte pastello e naturali. Più la parete è ampia, più le forme devono essere ampie.
  • Stayement Ceilings. Scegliere di colorare la quinta parete delle stanza cioè il soffitto.

EVIDENZIARE.  Dare energia ad un dettaglio, un passaggio, un elemento presente nella stanza, un particolare architettonico.

testo e disegni hom&co.it –  don’t copy without permission

immagini via pinterest