LE COSE CHE DEVI SAPERE SE VUOI VENDERE O ACQUISTARE UN TERRENO

1) LA TIPOLOGIA DEL TERRENO. Agricolo o edificabile. Prima di effettuare la compravendita il venditore deve richiedere al comune competente il Certificato di Destinazione Urbanistica (CDU). In esso è indicata la zona urbanistica nella quale ricade il terreno ed i vincoli che gravano sullo stesso. In base alla destinazione risultante dal CDU differisce la tassazione.

2) IL DIRITTO DI PRELAZIONE. Se il terreno in vendita è agricolo i confinanti proprietari coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali (IAP) o gli affittuari coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali (IAP) sono preferiti rispetto a qualsiasi altro acquirente. Il venditore dovrà comunicare loro le sue intenzioni di vendita. L’eventuale RINUNCIA AL DIRITTO DI PRELAZIONE dovrà essere fatta per iscritto, timbrata dall’associazione di categoria e riferita precisamente al terreno messo in vendita. Il diritto di prelazione non si applica nel caso si tratti di terreno edificabile.

3) ACCESSO AL TERRENO. Spesso i terreni agricoli non sono confinanti con carraie o strade pubbliche. Prima del rogito notarile è importante chiarire la presenza o meno di servitù di passaggio.

4) IMPOSTE A CARICO DEL VENDITORE.

Nel caso in cui il terreno sia stato ereditato e non ci sia stata accettazione tacita dell’eredità (cioè che siano decorsi almeno 20 anni dalla denuncia di successione) prima di poter affettuare la vendita il venditore dovrà fare espressa Accettazione di Eredità davanti ad un notaio.

Inoltre la possibile plusvalenza, se il venditore vende il terreno prima che siano passati cinque anni dall’acquisto ed il prezzo di vendita è maggiore del prezzo di acquisto.

5) LE IMPOSTE A CARICO DEL’ACQUIRENTE

TERRENO NON AGRICOLO VENDUTO A UN PRIVATO (terreno edificabile o terreno che non ricade espressamente in zona classificata “agricola”)

imposta di registro 9% con il minimo di € 1.000,00

imposta ipotecaria € 50,00

imposta catastale € 50,00

imposta di bollo esente

TERRENO AGRICOLO VENDUTO A UN PRIVATO (terreno che ricade espressamente in zona classificata “agricola”)

imposta di registro 15% con il minimo di € 1.000,00

imposta ipotecaria € 50,00

imposta catastale € 50,00

imposta di bollo esente

TERRENO NON AGRICOLO VENDUTO A SOGGETTO AVENTE QUALIFICA DI COLTIVATORE DIRETTO O DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE (terreno edificabile o terreno che non ricade espressamente in zona classificata “agricola”)

imposta di registro 9% con il minimo di € 1.000,00

imposta ipotecaria € 50,00

imposta catastale € 50,00

imposta di bollo esente

TERRENO AGRICOLO VENDUTO A SOGGETTO AVENTE QUALIFICA DI COLTIVATORE DIRETTO O DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE (terreno che ricade espressamente in zona classificata “agricola”)

imposta di registro € 200,00

imposta ipotecaria € 200,00

imposta catastale € 1,00

imposta di bollo esente

testo hom&co.it – don’t copy without permission