Top cucina

Il top per la cucina. Deve essere lavabile, igienico, resistente, esteticamente bello. Tra i materiali che ho utilizzato io fino ad ora ne ho scelti quattro, uno più classico in quarzite ed altri tre più tecnologici. Ecco un pò di caratteristiche e qualche accortezza da avere per ognuno.

QUARZITE. Una miscela di polvere di quarzo e resina. L’aspetto è quello della pietra naturale. Si possono scegliere varie colorazioni e finiture, lucida, opaca, suede, bocciardata. Il top in quarzite è resistente agli urti, ai tagli e ai graffi. Non è poroso, non assorbe liquidi, odori o grassi. La superficie è molto igienica, non attira la polvere ed facile da pulire, bastano un panno morbido, acqua ed un detergente neutro. Evitare però il contatto con acidi e con pentole appena tolte dal fuoco. Le marche più diffuse in commercio sono Okite, Silestone o Stone Italiana.

FENIX NTM. Un laminato di nuova generazione, costituito da strati di cellulosa impregnati a resine, sottoposti a calore e a pressione. Resistente, igienico, ottimo rapporto qualità-prezzo. Ha tinta unita e aspetto opaco, è antistatico e anti impronta. E’ setoso al tatto. I micro graffi sono ripristinabili. La pulizia avviene con panno in microfibra e detergente comune. Gli aloni si tolgono facilmente con l’uso di una spugna in schiuma melamminica (gomma magica). Attenzione alle infiltrazioni d’acqua e agli oggetti caldi.

PIETRE SINTERIZZATE (Dekton o Lapitec) Una composizione di argilla, ossidi minerali e silicio. Riciclabile. Con questo materiale si possono avere lastre di grandi formati, spessori minimi ed imitare fedelmente marmi e pietre naturali. Non è poroso, resiste a batteri e muffe, non si macchia. E’ inattaccabile dagli acidi ed è ultra-resistente agli urti, alle abrasioni e alle temperature elevate. Si pulisce con acqua calda e pannospugna. 

CORIAN. Un materiale composto da resine acriliche e minerali naturali. La caratteristica principale di un top in Corian è l’aspetto monolitico. Può essere infatti realizzato in diverse forme che vengono saldate senza nessuna giunzione visibile. Si presenta in tinta unica, omogeneo e vellutato al tatto. Molto igienico e resistente alla luce. I segni superficiali causati dagli utensili in cucina possono essere ripristinati. Attenzione però ai tagli profondi. Nel caso di macchie resistenti, come caffè o sughi, si può utilizzare la candeggina. 

testo hom&co.it –  don’t copy without permission

immagini via pinterest